Introduzione

Nel libro Principi di Neuroscienze il premio Nobel Eric Kandel afferma: "Il compito delle neuroscienze è di spiegare il comportamento in termini di attività del cervello. Come può il cervello dirigere i suoi milioni di singole cellule nervose per produrre un comportamento, e come possono essere queste cellule influenzate dall'ambiente? L'ultima frontiera della scienza della mente, la sua ultima sfida, è capire le basi biologiche della coscienza, ed i processi mentali attraverso cui noi percepiamo, agiamo, impariamo e ricordiamo".

Il termine 'neuroscienze' deriva dall'inglese neurosciences, coniato nel 1962 dal neurofisiologo americano Francis O. Schmitt, per indicare il suo gruppo di ricerca (Neurosciences Research Program), costituito da scienziati di diversa formazione con l'obiettivo di coordinare ricerche di base sul sistema nervoso, a livello genetico, molecolare, biochimico, fisiologico, anatomo-patologico, istologico, farmacologico.
Gli studi e le conoscenze sull'anatomia e sulla fisiologia del sistema nervoso costituiscono uno dei rami più rigogliosi della scienza occidentale, che si è sviluppato a partire dall'antichità classica, ha attraversato il pensiero medievale e rinascimentale, si è rinnovato con Descartes e la scienza moderna, fino all'Ottocento e fiorire infine nelle neuroscienze del XX secolo.
Dei risultati conseguiti si è servito il pensiero filosofico per trovare agganci empirici alle proprie teorie per cercare una soluzione al problema dei rapporti tra anima e corpo, tra psichico e fisico, tra mente e cervello (mind-body problem). Le teorie filosofiche hanno a loro volta condizionato le ricerche e le teorie neuroanatomiche e neurofisiologiche; in particolare hanno guidato lo sforzo di attribuire una sede alla mente, cioè di trovare un luogo del cervello a cui poter collegare le funzioni psichiche. Per questo parlare di storia delle neuroscienze significa attingere elementi importanti dalla storia della filosofia.

Il complesso di discipline oggi note come neuroscienze rappresenta una scienza sempre più interdisciplinare, che attinge da matematica, fisica, chimica, ingegneria, informatica, psicologia, medicina, biologia, filosofia, e va in senso opposto al confinamento specialistico dello studio del cervello degli anni passati.
Un ampio spettro di problematiche rientra nell'indagine delle neuroscienze: sviluppo, maturazione e mantenimento del sistema nervoso, sua struttura anatomica e funzionale, ruolo che esso riveste nel comportamento e nella cognizione.
Le neuroscienze cercano di comprendere non solo i normali meccanismi del sistema nervoso, ma anche quello che non funziona adeguatamente nei disturbi dello sviluppo, psichiatrici e neurologici, con l'intento di trovare nuove strade per prevenirli o curarli.

Responsabile: Dott. Nicola Palumbo P. Iva: 03007960218 via Dr. Streiter 17 39100 Bolzano (BZ)

Free Joomla! templates by AgeThemes | Documentation